“Scambio” di immobili tra Stato e Regione Puglia

  • Firmato atto di permuta per una gestionale ottimale del patrimonio immobiliare locale con un risparmio di 580.000 euro annui frutto della razionalizzazione degli spazi3 agosto 2016Ottimizzare gli spazi pubblici generando al tempo stesso risparmi per le ca

“Scambio” di immobili tra Stato e Regione Puglia

Firmato atto di permuta per una gestionale ottimale del patrimonio immobiliare locale con un risparmio di 580.000 euro annui frutto della razionalizzazione degli spazi

3 agosto 2016

Ottimizzare gli spazi pubblici generando al tempo stesso risparmi per le casse dello Stato è la finalità dell’atto di permuta sottoscritto dall'Agenzia del Demanio e dalla Regione Puglia che prevede uno scambio di immobili di proprietà statale e regionale. L'intesa è stata firmata dal Direttore Regionale Puglia e Basilicata dell'Agenzia, Marta Settimi, dal Segretario Generale della Presidenza Regionale, Roberto Venneri, e dal Dirigente Servizio Demanio e Patrimonio della Regione Puglia, Giovanni Vitofrancesco, in qualità di delegato.
Nello specifico, lo Stato acquisisce due immobili a Lecce, l’ex Genio Civile destinato ad ospitare la sede della Ragioneria Territoriale e un parte dell’edificio ex Irif da adibire a sede del Comando provinciale del Corpo Forestale, e un altro immobile a Brindisi che attualmente ospita l’Ufficio Provinciale dell’Agenzia delle Entrate, la sede distaccata dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Lecce e la sede della Ragioneria territoriale. Grazie a questa operazione, lo Stato potrà così razionalizzare gli spazi in uso alle pubbliche amministrazioni e chiudere i contratti di locazione con privati generando un risparmio per  lo Stato di 580.000 euro annui.
Con l’atto di permuta l’Agenzia del Demanio, al contempo, cede alla Regione le porzioni di due edifici a Bari:  il Palazzo delle Opere Pubbliche e il Palazzo dell'Agricoltura, in parte già di proprietà della Regione Puglia.
La firma di oggi è un esempio di virtuosa collaborazione Stato-Territorio nell’ottica di una gestione efficiente e razionale del patrimonio immobiliare locale.  (csg)

Condividi

      

Commenti