Nuovi beni ai Comuni bergamaschi con il federalismo demaniale

  • 7 giugno 2016 \nL’Agenzia del Demanio procede con il trasferimento degli immobili dello Stato agli Enti territoriali nell’ambito del federalismo demaniale. Lo dimostrano le ultime operazioni immobiliari che hanno interessato la Regione Lombardia

Nuovi beni ai Comuni bergamaschi con il federalismo demaniale

7 giugno 2016

 

L’Agenzia del Demanio procede con il trasferimento degli immobili dello Stato agli Enti territoriali nell’ambito del federalismo demaniale. Lo dimostrano le ultime operazioni immobiliari che hanno interessato la Regione Lombardia, ed in particolare il territorio bergamasco.

Al Comune di Grassobbio passano tre aree lungo l’ex alveo del Fiume Serio, altri nove beni lungo l’ex ferrovia della Valle Brembana, che attraversa sette centri abitati, entrano a far parte del patrimonio immobiliare dei Comuni di Sorisole, Almè, Villa D’Almè, Sedrina, San Pellegrino Terme, Camerata Cornello e Lenna.

Al Comune di Oneta, passano in proprietà, i “Fabbricati Industriali Ronchellini" e l’ex Laveria gravimetrica, lo stabilimento per l’estrazione di minerali grezzi che ha svolto un ruolo fondamentale nel periodo dal 1880 al 1982 modificando radicalmente le condizioni socio economiche della cittadina bergamasca. Lo storico impianto sarà valorizzato attraverso l’avvio di nuove attività a beneficio della cittadinanza.

Nella sola Regione Lombardia, l’Agenzia del Demanio dal 2013 ad oggi, ha trasferito il 77% dei beni richiesti. (mb)

Condividi

      

Commenti