Beni pubblici per i Cammini: Roberto Reggi al convegno “Via Francigena, via di pace”

  • 29 aprile 2016Gli immobili pubblici per incentivare la mobilità dolce sostenibile lungo la via Francigena, promuovendo lo sviluppo turistico, culturale ed economico del territorio italiano: ne ha parlato a Piacenza Roberto Reggi, Direttore dell’Agenzia

Beni pubblici per i Cammini: Roberto Reggi al convegno “Via Francigena, via di pace”

29 aprile 2016

Gli immobili pubblici per incentivare la mobilità dolce sostenibile lungo la via Francigena, promuovendo lo sviluppo turistico, culturale ed economico del territorio italiano: ne ha parlato a Piacenza Roberto Reggi, Direttore dell’Agenzia del Demanio, al convegno internazionale “Via Francigena, via di pace” organizzato per celebrare il XV anniversario dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) dal 28 al 30 aprile.
Al Tavolo “L’economia della via Francigena” Reggi ha condiviso le opportunità di riuso del patrimonio pubblico per realizzare strutture ricettive di qualità attraverso il progetto Cammini e Percorsi, l’iniziativa di Agenzia del Demanio, MiT, MiBACT, ANAS e Touring Club Italiano che ha l’obiettivo di recuperare e valorizzazione i beni lungo itinerari culturali di rilievo, percorribili a piedi o con altre forme di mobilità dolce sostenibile.
Alla sessione di lavoro, moderata dal prof. Paolo Rizzi dell’Università Cattolica di Piacenza, sono intervenuti anche Orazio Iacono di Trenitalia Spa, Enrico Conti dell’Istituto Regionale della Programmazione Economica Toscana, Martina Lucarno, dell’Università Cattolica di Milano, Flavio Boscacci, del Politecnico di Milano e Gianluca Bambi dell’Università di Firenze.

L’iniziativa dell’Agenzia del Demanio per la via Francigena, in particolare, ha l’obiettivo da un lato di ridar vita ai beni pubblici  con nuovi e innovativi servizi per i pellegrini e i turisti, dall’altro di incentivare l’imprenditoria giovanile e lo sviluppo di nuovi progetti da parte delle associazioni, anche sfruttando le opportunità dell’art. 24 del D.L. “Sblocca Italia”. Il progetto coinvolgerà immobili pubblici sia di proprietà dello Stato che di altri Enti, tra cui case cantoniere, caselli idraulici e ferroviari, piccoli fabbricati rurali, rifugi, etc, all’insegna del potenziamento dell’accoglienza con nuove soluzioni che si sposino appieno con il territorio. L’Agenzia potrà, così, contribuire allo sviluppo turistico dell'antico percorso che nel medioevo univa Canterbury a Roma e ai porti della Puglia, già certificato come "Itinerario culturale del Consiglio d'Europa" e candidato a ricevere anche il riconoscimento UNESCO. (elf)

Condividi

      

Commenti