L’Agenzia partecipa alla IX edizione di CompraVerde-BuyGreen, Forum Internazionale degli Acquisti Verdi

  • 2 ottobre 2015L’Agenzia del Demanio è intervenuta alla mostra-convegno CompraVerde-BuyGreen dedicata a politiche, progetti, beni e servizi di green procurement pubblico e privato che si è svolta a Roma all’Acquario Romano, Casa dell’Architettura.

L’Agenzia partecipa alla IX edizione di CompraVerde-BuyGreen, Forum Internazionale degli Acquisti Verdi

2 ottobre 2015

L’Agenzia del Demanio è intervenuta alla mostra-convegno CompraVerde-BuyGreen dedicata a politiche, progetti, beni e servizi di green procurement pubblico e privato che si è svolta a Roma all’Acquario Romano, Casa dell’Architettura. All’incontro, a cui erano invitati enti pubblici, privati e non profit, per l’Agenzia è intervenuto l’architetto Riccardo Blanco che ha partecipato al convegno “GPP al centro: gli acquisti sostenibili delle amministrazioni centrali”.  
Partner dell’evento la Regione Lazio, Roma Capitale, il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, Ecosistemi e Adescoop. I partecipanti al convegno si sono confrontati sul tema degli acquisti pubblici verdi (o GPP -Green Public Procurement) in linea con le ultime “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali”, secondo cui la Pubblica Amministrazione deve valorizzare e favorire la scelta di organizzazioni green nell’approvvigionamento di prodotti e servizi.
L’intervento curato dall’Agenzia si è incentrato sul bando di gara relativo al complesso immobiliare ex sede Inps di via D’Annunzio a Genova, in cui verranno accentrati alcuni uffici del Ministero dell’Interno. Il bando, tra i primi in Italia, rientra nel Progetto comunitario GPP 2020 che mira a ridurre del 20% le emissioni di gas serra, aumentare del 20% il contributo delle fonti rinnovabili alla produzione di energia e aumentare del 20% l'efficienza energetica. Il bando prevede la rifunzionalizzazione del complesso con la realizzazione di opere edili ed impiantistiche, per una fruizione corretta e funzionale dell’edificio, mirate anche all’abbattimento dei consumi energetici. L’ingente investimento previsto, per la progettazione prima e per i lavori poi, sarà riassorbito dalla riduzione delle locazioni passive nonché dalla riduzione dei consumi nell’arco dell’intero ciclo di vita dell’immobile. L’operazione consentirà di raggiungere così gli obiettivi di razionalizzazione degli spazi e di contenimento della spesa pubblica previsti per legge.
L’Agenzia del Demanio, da sempre sensibile ai temi dell’efficientamento energetico, della sostenibilità ambientale sul patrimonio immobiliare pubblico, della riduzione degli sprechi e della valorizzazione di innovazioni tecnologiche ambientali, ha avviato da tempo iniziative volte a ridurre e razionalizzare la spesa legata al consumo di energia, pianificando interventi di efficientamento energetico e promuovendo comportamenti virtuosi nell’utilizzo dei beni pubblici anche attraverso l’applicativo informatico IPER (Indice di performance)  con il quale  vengono raccolte le informazioni relative ai costi degli edifici di proprietà dello Stato o di altri soggetti, in uso alle amministrazioni pubbliche. (gv)

Condividi

      

Commenti