Pubblicato il secondo Bando Unico del 2015, sul mercato beni per circa 3 milioni e 240 mila euro

  • 30 giugno 2015L’Agenzia propone al mercato, tramite asta pubblica, 5 beni di proprietà dello Stato su tutto il territorio nazionale. Il portafoglio, con una base d’asta complessiva di circa 3 milioni e 240 mila euro, è costituito da beni che si trov

Pubblicato il secondo Bando Unico del 2015, sul mercato beni per circa 3 milioni e 240 mila euro

30 giugno 2015

L’Agenzia propone al mercato, tramite asta pubblica, 5 beni di proprietà dello Stato su tutto il territorio nazionale. Il portafoglio, con una base d’asta complessiva di circa 3 milioni e 240 mila euro, è costituito da beni che si trovano in Emilia Romagna, Liguria, Lombardia e Veneto.

In Emilia Romagna, nel Comune di Vignola (MO), è in vendita un’area di 7465 mq. In Liguria sono 2 i beni proposti al mercato: il Forte Pianelloni a Lerici (SP), un compendio composto da una fortificazione ed un fabbricato, su un terreno di 50.000 mq, e l’ex Caserma Tamagni a Triora (IM), che si trova su un promontorio ai margini del centro abitato della città ligure ed è costituito da un terreno di 3.164 mq, su cui sorge l’edificio un tempo usato come caserma. In Lombardia un complesso immobiliare a Pralboino (BS) situato alle porte del centro città: l’edificio, di circa 800 mq, ha una destinazione residenziale ed è composto da 7 appartamenti, un immobile bar/pizzeria e due ampi garage. Infine, in Veneto è in vendita un’ex base militare di notevoli dimensioni a Ceneselli (RO): il compendio è costituito da un terreno di circa 84.000 mq su cui ci sono 42 fabbricati di varie dimensioni.

Per partecipare alla gara, che prevede offerte segrete e vincolanti, è necessario inviare, entro le ore 16 del 29 settembre 2015, un’offerta economica corredata della documentazione necessaria agli uffici delle Direzioni Regionali competenti per ciascun lotto. Il giorno successivo, alle ore 10, una Commissione di gara, appositamente costituita, valuterà la conformità delle offerte pervenute. I beni verranno aggiudicati a chi presenterà l’offerta economica più alta, che dovrà essere pari o superiore rispetto alla base d’asta prevista dal bando.

Il bando si inserisce nell’ambito delle attività ordinarie di vendita e di ottimizzazione del portafoglio immobiliare statale e si rivolge a diverse tipologie di investitori, in particolar modo all’imprenditoria locale.

Tutte le informazioni sul bando di gara e sui beni in vendita sono consultabili nella sezione Gare, Aste e Avvisi – Vendita beni immobili. (tc)

Condividi

      

Commenti