Passano dallo Stato ai Comuni marchigiani con il Federalismo demaniale quasi il 50% degli immobili richiesti

Passano dallo Stato ai Comuni marchigiani con il Federalismo demaniale quasi il 50% degli immobili richiesti

2 luglio 2015

Prosegue il percorso di valorizzazione dei beni statali grazie al federalismo demaniale. Su tutto il territorio marchigiano quasi il 50% dei beni statali richiesti è stato trasferito dall’Agenzia del Demanio agli Enti locali, a titolo gratuito. Su un totale di 174 beni trasferibili, 81 sono passati in proprietà ai Comuni, con un percorso condiviso di valorizzazione. 
L’ultimo compendio immobiliare trasferito si trova nel Comune di Amandola, in provincia di Fermo. Si tratta di un’area adibita a strada e a verde pubblico di oltre 1.600 metri quadrati di superficie, che verrà utilizzata dall’Amministrazione con finalità pubbliche. Per il piccolo Comune marchigiano è il secondo bene acquisito grazie all’art. 56 bis D.L. 69/2013 sul federalismo demaniale, dopo il passaggio nel mese di marzo dell’area in cui è ubicata la scuola materna “Mariele Ventre”. Si completa così un percorso che porterà al recupero di beni a beneficio della cittadinanza, frutto della piena collaborazione tra l’Agenzia e l’Amministrazione comunale. (elf)

Condividi

      

Commenti