L’Agenzia al meeting Quo Vadis Italia? organizzato da DLA Piper a Milano

  • 25 ottobre 2016Si è parlato di sfide e opportunità del mercato durante la terza edizione di Quo Vadis Italia? il meeting dedicato al real estate promosso, ideato e organizzato dallo studio legale DLA Piper a Milano, a cui ha partecipato l’Agenzia

L’Agenzia al meeting Quo Vadis Italia? organizzato da DLA Piper a Milano

25 ottobre 2016

Si è parlato di sfide e opportunità del mercato durante la terza edizione di Quo Vadis Italia? il meeting dedicato al real estate promosso, ideato e organizzato dallo studio legale DLA Piper a Milano, a cui ha partecipato l’Agenzia del Demanio.

La giornata di incontri e confronti tra i maggiori esperti del settore era articolata in due sessioni plenarie e dieci sessioni riservate a temi più specifici a cui hanno preso parte più di 80 speaker, tra cui Stefano Mantella, Direttore Strategie Immobiliari ed Innovazione dell’Agenzia, che ha preso parte alla sessione dedicata alla dismissione degli immobili pubblici. Accanto a lui, per condividere opinioni e suggerimenti ed analizzare casi di successo e fallimenti, c’erano Aldo Mazzocco, Head of Real Estate di CDP, Francesco De Blasio, Partner di DLA Piper, Chris Lydiker, Senior Director di Kennedy Wilson, Luca Malighetti, Director di Verde Partners Europe ed Emanuele Rosetti Zannoni, Managing Director di Cerberus European Capitol Advisor.

Stefano Mantella nel suo intervento ha chiarito il ruolo dell’Agenzia, così come definito dal DEF della scorsa primavera, come facilitatore per lo sviluppo di iniziative di valorizzazione e dismissione del patrimonio pubblico, con  specifico ruolo di principale interlocutore e supporto per gli Enti locali, attraverso la segmentazione e la definizione di portafogli coerenti con le esigenze di sviluppo del territorio e con gli strumenti di investimenti più idonei. Mantella ha inoltre ricordato le azioni messe in campo dall’Agenzia per concorrere alla riduzione del debito pubblico dello Stato, come le operazioni di razionalizzazione degli spazi e abbattimento dei costi delle locazioni passive, portando ad esempio la realizzazione di Federal Building, immobili pubblici in cui vengono concentrate tutte le funzioni degli uffici della PA.
Dalla giornata milanese è emerso un quadro più chiaro sullo stato degli investimenti sul mercato italiano da parte di player nazionali ed internazionali, molteplici le riflessioni sugli scenari del mercato post Brexit e sugli esiti del Fondo Atlante 1 e 2 e la ricapitalizzazione delle banche italiane. (tc)

Condividi

      

Commenti