Piacenza, le mura della città diventano di proprietà del Comune

  • Firmato oggi l’accordo di valorizzazione e il relativo atto di trasferimento di 5 beni di proprietà dello Stato grazie al federalismo demaniale culturale24 ottobre 2016Sono 5 i beni di proprietà dello Stato che entrano a far parte del patrimonio dispo

Piacenza, le mura della città diventano di proprietà del Comune

Firmato oggi l’accordo di valorizzazione e il relativo atto di trasferimento di 5 beni di proprietà dello Stato grazie al federalismo demaniale culturale

24 ottobre 2016

Sono 5 i beni di proprietà dello Stato che entrano a far parte del patrimonio disponibile del Comune di Piacenza, grazie al federalismo demaniale culturale.

Oggi nella sala del Municipio del Comune di Piacenza il Direttore generale dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e il Direttore regionale Antonio Ficchì,  hanno incontrato   il Sindaco Paolo Dosi, l’assessore alla Pianificazione e Rigenerazione urbana Silvio Bisotti  e il segretario regionale del MiBACT  Sabina Magrini per firmare l’accordo di valorizzazione e ufficializzare il trasferimento di alcuni asset  delle mura farnesiane: Porta Borghetto, Ex Rimessa Locomotori, Laboratorio Pontieri, Bastione Corneliana e Bastione Sant’Agostino.

Il riuso di queste strutture rappresenta un’opportunità per creare nuovi spazi pubblici capaci di soddisfare le esigenze della cittadinanza. Un teatro, aree destinate ad ospitare strutture di social housing, spazi espositivi e culturali: queste alcune delle possibili nuove funzioni che ospiteranno gli  immobili, già protagonisti di un percorso di valorizzazione costruito in collaborazione con il territorio grazie allo strumento della consultazione pubblica. (vf)

Condividi

      

Commenti